Tutto sull'avversario del Foggia, l'Unicusano Fondi

La squadra è di proprietà dell'Università Niccolò Cusano di Roma
 di Antonello Abbattista  articolo letto 1195 volte
Sandro Pochesci
© foto di Federico Gaetano/Tuttolegapro.com
Sandro Pochesci

Un punto, novanta minuti. Sono i due ultimi ostacoli che separano il Foggia dalla Serie B dopo 19 interminabili anni. Ultimo atto del “Ventennio” in Serie C (con una sortita in D, ndr) al “Purificato” di Fondi domenica alle 14:30. Ai satanelli ottimamente guidati da Giovanni Stroppa due risultati su tre e, volendo, anche una sconfitta a patto che il Lecce non vinca. Una formalità per i rossoneri che torneranno nel calcio che conta proprio dopo aver affrontato l’avversario che, all’andata, inflisse l’unica sconfitta stagionale subita dai dauni allo Zaccheria. Cosa che coincise con il picco della crisi in casa rossonera. Da quel momento in poi, però, i foggiani seppero reagire iniziando una cavalcata inarrestabile che li conduce, oggi, alla “Cadetteria”.

L’Unicusano Fondi che prende il nome dall’Università Niccolò Cusano di Roma, proprietaria della squadra, è stata ripescata dalla Serie D la scorsa estate. Obiettivo minimo stagionale per la compagine allenata da Sandro Pochesci la salvezza. Le cose sono andate anche meglio considerato che il Fondi ha sempre stabilmente navigato in zona play-off. Sia pur in condominio con Fidelis Andria e Casertana, i rossoblu hanno 45 punti in classifica che sarebbero 46 senza la penalizzazione di un punto subita. Dieci vittorie, ben sedici pareggi (i laziali hanno pareggiato più partite di tutti nel girone, ndr) e nove sconfitte, rappresentano lo score dei pontini in campionato per un totale di 44 reti realizzate e 40 subite. Sette vittorie, altrettanti pareggi e tre sconfitte per un totale di 26 reti realizzate e 18 subite rappresentano il cammino casalingo dell’Unicusano.

Cannoniere del Fondi è l’attaccante Albadoro con dieci reti. Segue un altro attaccante, Calderini, con otto centri. Sette gol per l’attaccante Tiscione. Tre reti a testa per i centrocampisti Bombagi e Varone e per gli attaccanti Giannone, arrivato dalla Casertana a gennaio, e D’Agostino, ceduto alla Lupa Roma nel mercato invernale. Due reti a testa per altri due attaccanti: Gambino, arrivato dal Cosenza nel corso del mercato di riparazione e Iadaresta, passato anch’egli alla Lupa Roma a gennaio. Un gol ciascuno per il centrocampista Squillace e l’esperto Fissore, difensore ceduto poi alla Pistoiese.

Squadra rinforzata, a gennaio, non solo con gli arrivi di Gambino e Giannone ma anche con quelli di Marino dall’Akragas e Sernicola dalla Ternana in difesa che sono andati a completare un organico sicuramente all’altezza della categoria e che annovera elementi di esperienza come Baiocco tra i pali, Signorini in difesa o ex promesse non sbocciate del calcio italiano quali Galasso sulla corsia di destra e De Martino a centrocampo.

All’andata il Foggia fu sconfitto per 3-2. Dopo il doppio vantaggio iniziale siglato da Sarno e Gerbo furono Varone, Calderini e Albadoro a ribaltare il risultato e a regalare la vittoria al Fondi.

Arbitro dell’incontro sarà Giacomo Camplone di Pescara.

Di seguito l’attuale rosa del Fondi. Tra parentesi provenienza, anno di nascita, presenze e reti aggiornate alla 35esima giornata per ciascun calciatore. S.G. = Settore Giovanile. Inoltre, per ciascun componente della squadra, il numero di maglia. In grassetto corsivo i nuovi arrivi di gennaio.

UNICUSANO FONDI

Allenatore: Sandro Pochesci

PORTIERI
22 - Paolo Baiocco (Proveniente dall’Arezzo – 1989) (27/-*)
12 - Antonino Calandra (Proveniente dal Bisceglie – 1997) (0/-0 + 8/-* nel Bisceglie)
1 - Jacopo Coletta (Proveniente dalla Lupa Castelli Romani – 1992) (8/-*)

DIFENSORI
13 - Francesco Bertolo (Proveniente dal Noto – 1991) (16/0)
2 - Pasquale Di Sabatino (Proveniente dall’Ancona – 1997) (4/0)
18 - Gianluca Galasso (Confermato – 1984) (31/0)
29 - Daniele Marino (Proveniente dall’Akragas – 1988) (12/0 + 13/3 nell’Akragas)
4 - Tiziano Mucciante (Proveniente dal Benevento – 1982) (5/0)
21 - Alessio Pompei (Confermato – 1995) (5/0)
15 - Leonardo Sernicola (Proveniente dalla Ternana – 1997) (5/0 + 6/0 nella Ternana)
6 - Andrea Signorini (Proveniente dal Rimini – 1990) (27/0)
19 - Fabio Tommaselli (Confermato – 1996) (15/0)

CENTROCAMPISTI
14 - Mattia Battistoni (Proveniente dalla Torres – 1995) (0/0)
5 - Francesco Bombagi (Proveniente dal Catania – 1989) (21/3)
20 - Sonny D’Angelo (Proveniente dal Matera – 1995) (28/0)
23 - Raffaele De Martino (Confermato – 1986) (30/0))
3 - Tommaso Squillace (Proveniente dal Catanzaro – 1989) (32/0)
8 - Ivan Varone (Proveniente dal Chieti – 1992) (33/3)

ATTACCANTI
17 - Simone Addessi (Proveniente dalla Viterbese – 1995) (14/0)
11 - Diego Albadoro (Proveniente dal Matera – 1989) (27/10)
16 - Andrea Avallone (Confermato – 1997) (0/0)
24 - Elio Calderini (Proveniente dal Catania – 1988) (31/8)
Emanuele Capuano (Proveniente dalla Jumilla – 1997) (1/0)
25 - Giuseppe Carcatella (Proveniente dal Napoli – 1997) (0/0)
9 - Giuseppe Gambino (Proveniente dal Cosenza – 1986) (10/2 + 21/6 nel Cosenza)
10 - Luca Giannone (Proveniente dalla Casertana – 1989) (12/3 + 17/4 nella Casertana)

7 - Filippo Tiscione (Confermato – 1985) (32/7)

ALTRI GIOCATORI
27 - Riccardo Fissore (D) (Proveniente dalla Maceratese e poi ceduto alla Pistoiese – 1980) (14/1)
15 - Luca Guadalupi (C) (Proveniente dall’Olympia Agnonese e poi ceduto al Taranto – 1996) (2/0)
10 - Stefano D’Agostino (A) (Confermato e poi ceduto alla Lupa Roma – 1992) (13/3)
9 - Pasquale Iadaresta (A) (Confermato e poi ceduto alla Lupa Roma – 1986) (17/2)