Ciao Zac, bomber Mazzeo regala i tre punti al Foggia

Salernitana battuta di misura. Ultimo atto venerdì a Frosinone a caccia di punti per la Serie A
12.05.2018 20:44 di Antonello Abbattista  articolo letto 986 volte
Fabio Mazzeo
© foto di Federico Gaetano
Fabio Mazzeo

Il Foggia saluta il proprio pubblico battendo la Salernitana per 1-0 nell’ultimo atto stagionale allo Zaccheria. E’ un gol di Mazzeo a regalare il meritato successo ai dauni sui campani che, parimenti, non avevano più nulla da chiedere al campionato. Ai Satanelli restano i rimpianti per aver sprecato tanti punti nel corso della stagione. Punti che, oggi, avrebbero permesso l’ingresso in zona play-off, in pianta stabile e da molte settimane. A 90 minuti dalla fine del campionato sono appena tre le lunghezze di distanza rispetto al Perugia, piazzato all’ottavo posto, ultimo utile per gli spareggi per la Serie A.

La cronaca: è il salernitano Mazzeo, al primo minuto, a fallire una ghiotta occasione davanti a Radunovic calibrando male il pallonetto al volo su ottimo servizio di capitan Agnelli dal limite. Al quarto ci prova Floriano da distanza ravvicinata ma Radunovic respinge. Al 20° ci prova Agnelli dalla distanza ma il portiere granata blocca. Al 28° i rossoneri passano grazia a Mazzeo che, ben servito da Deli con un filtrante, buca Radunovic. La Salernitana reagisce al 30° con Rosina che coglie la traversa dalla distanza all’esito di un malinteso tra Calabresi e Agnelli sulla trequarti. Nella ripresa è Floriano a sfiorare l’incrocio al 53° da ottima posizione. Al 67° Sprocati pericolosissimo con una conclusione a giro che sfiora l’incrocio dei pali della porta ben difesa quest’oggi da Noppert che si rende protagonista di un ottimo intervento d’istinto su colpo di testa in tuffo dell’ex Di Roberto al 78°. Ultimo sussulto della gara all’85° con Kragl il cui tiro a rete viene sventato da Radunovic e Mantovani.

Ultimo atto della stagione venerdì prossimo a Frosinone. I ciociari devono fare punti per centrare l’aritmetica promozione in Serie A senza passare per i play-off, tenendo a distanza Parma e Palermo. Facile ritenere che i foggiani non giocheranno col “sangue agli occhi”.

FOGGIA (3-5-2) – Noppert, Tonucci, Camporese, Calabresi; Gerbo, Agnelli (62° Scaglia), Agazzi, Deli, Rubin (58° Kragl); Mazzeo, Floriano (55° Nicastro). In panchina: Guarna, Filgliomeni, Loiacono, Beretta, Martinelli, Celli, Ramè, Lanzetta. Allenatore: Giovanni Stroppa

SALERNITANA (3-4-3) – Radunovic, Mantovani, Tuia, Monaco; Casasola, Signorelli (73° Gaeta), Akpa Akpro (84° Odjer), Di Roberto; Rosina, Bocalon, Sprocati (68° Palombi). In panchina: Russo, Iliadis, Kiyine, Orlando, Asmah, Ricci, Rossi, Popescu. Allenatore: Stefano Colantuono

RETI – 28° Mazzeo (Fg)

NOTE – Arbitro Francesco Paolo Saia di Ragusa. Angoli 7-3 per la Salernitana. Ammoniti: Agnelli (Fg) e Monaco (Sa). Recupero 4 minuti nel secondo tempo