Foggia: super Salines, Iadaresta e Gentile piegano l'Agropoli

Primi tre punti in campionato per i Satanelli di Ninni Corda allo Zaccheria. I dauni faticano ma hanno la meglio sui salernitani
08.09.2019 18:40 di Antonello Abbattista   Vedi letture
Emmanuele Salines
Emmanuele Salines

Con il più classico dei risultati il Foggia si sbarazza dell’Agropoli. Due a zero il finale per la pattuglia di Ninni Corda che, tuttavia, ha fatto fatica per avere ragione di un avversario che definire modesto è gran cosa. Ci pensano un’inzuccata di Iadaresta e una zampata di Capitan Gentile a regalare la prima vittoria in campionato ai rossoneri allo Zaccheria. Ma c’è ancora tanto da lavorare. Prestazione sicuramente migliore di quella indecorosa offerta a Fasano, ma appare evidente la mancanza di un uomo in mezzo al campo in grado di costruire il gioco e di una degna spalla di Iadaresta anche se, oggi, Russo non ha affatto demeritato. Da segnalare la prova strepitosa di Salines, spina nel fianco sulla fascia destra per i campani, che mette a referto un’altra prestazione positiva. Viscomi in difesa si dimostra ancora una volta un muro invalicabile. Corda mischia le carte: fuori Loschiavo (non convocato, ndr), Gemmi e Iadaresta rispetto a Fasano. Dentro Staiano e Di Masi dal primo minuto. Non cambia il modulo, 3-5-2, ma ad “affiancare” Russo in avanti c’è Cittadino, un centrocampista.

La prima occasione è per l’Agropoli che, al quinto, si affaccia dalle parti di Fumagalli con Agate che sfrutta un retropassaggio errato di Salvi ma mette la palla a lato da buona posizione. E’ questa l’unica occasione dei salernitani che non si renderanno mai più pericolosi per tutta la partita. I primi due tentativi foggiani sono di Russo all’11° e al 19° ma, in entrambi i casi, i tentativi dalla distanza dell’attaccante risultano facile preda di Sanchez. Al 35° ci prova Cittadino su punizione, Sanchez si distende e blocca. Un minuto dopo è Salines a rendersi pericoloso: slalom sulla destra, penetrazione in area e tiro violento che Sanchez devia. Due minuti dopo ci prova Cittadino di testa, sfera alta di poco.

La ripresa si apre con il Foggia in cattedra nei primi cinque minuti con tre tentativi: girata di Gentile in area, palla sull’esterno della rete; Cittadino manda a lato su spiovente; Cittadino fa la barba al palo tirando da posizione defilata dopo uno slalom di Salines sulla destra. Il gol arriva al 30°: cross dalla sinistra di Cittadino, spizzata di Viscomi e Iadaresta, subentrato a Russo, che di testa trafigge Sanchez. Al 40° ci prova Cannas, dopo uno scambio con Iadaresta, ma il suo tiro è bloccato con sicurezza da Sanchez. Al 42° Viscomi ci prova dalla distanza, dopo aver tirato una punizione sulla barriera, Sanchez blocca ancora. Due minuti dopo il Foggia raddoppia: Salines recupera con grande determinazione una palla quasi persa sulla destra, dribbla, entra in area e serve Gentile che non deve fare altro che depositare alle spalle del guardiapali salernitano. Poi più nulla se non scaramucce in serie che, peraltro, hanno caratterizzato la gara con l’arbitro prodigo di cartellini verso i dauni e decisamente troppo clemente con i calciatori dell’Agropoli. Non buona la sua direzione di gara.

Domenica prossima si va a Nocera Inferiore. Una sfida contro un avversario ostico ma che sarà anche un test verità per capire se il Foggia è decollato. Intanto sarebbe necessario completare la rosa a centrocampo e in attacco con due elementi over di spessore.

FOGGIA (3-5-1-1) – Fumagalli, Anelli, Viscomi, Cadili; Salines, Staiano (59° Cannas), Salvi, Gentile (93° Maccarrone), Di Masi (59° Campagna); Cittadino (84° Gemmi); Russo (55° Iadaresta). In panchina: Di Stasio, Salatino, Di Salvo, Di Jenno. Allenatore: Ninni Corda

AGROPOLI (4-3-3) – Sanchez, Garofalo (55° Guida), Bonfini, Sgambati (79° Babacar), Siciliano; Dampha, Numerato (52° Cuomo), Acunzo (84° Cozzolino); Camara, Orefice, Agate (67° Tine). In panchina: Colella, Costa, Semati, Doto. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli

RETI – 75° Iadaresta, 89° Gentile (Fg)

NOTE – Arbitro: Maurizio Barbiero di Campobasso. Angoli 12-1 per il Foggia. Ammoniti: Anelli, Gentile, Viscomi, Salines e Di Masi (Fg); Acunzo (Ag). Recupero 2 minuti nel primo tempo, 5 minuti nel secondo tempo.