Giornata nera per il Foggia, passa il Sorrento. Arbitraggio negativo

Campagna perde la testa e si fa espellere, Gentile fallisce un calcio di rigore. Pessima direzione di gara di Mattia Ubaldi di Roma
10.11.2019 17:55 di Antonello Abbattista   Vedi letture
Eric Herrera
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
Eric Herrera

Foggia-Sorrento è il compendio di tutte le cose che non vanno in casa rossonera foggiana e che finora erano state ben nascoste “sotto il tappeto” di nove risultati utili di fila e di vittorie ottenute più grazie alla dea bendata che per un gioco apprezzabile. Difesa al solito sperimentale e con un solo difensore di ruolo, scelta dell’undici iniziale che desta ancora perplessità, palla lunga a Iadaresta che, di fatto, annienta qualsivoglia altro tipo di schema possibile in campo. E se a questo si aggiungono la follia di Campagna che si fa espellere per una brutta reazione e il rigore fallito da capitan Gentile, si comprende meglio la dimensione di una giornata completamente storta condita da un arbitraggio scandaloso. La direzione di gara di Mattia Ubaldi di Roma è stata disastrosa, specialmente nel primo tempo.

Cronaca non molto corposa, tuttavia. Arbitro protagonista in negativo e Sorrento vittorioso con merito. Inizia il Foggia al terzo minuto con una percussione di Russo che poi calcia dalla distanza mandando la sfera di poco alta sulla traversa. Al settimo Delli Carri atterra un sorrentino in area di rigore sugli sviluppi di una punizione battuta da Herrera. Rigore netto che lo stesso Herrera trasforma. Al 13° il Sorrento raddoppia con Gargiulo che finalizza di testa uno spiovente da punizione di Herrera. Al 15° il Foggia reclama per un fallo di mani in area di rigore all’esito di un tentativo ravvicinato, dopo che Gentile di testa chiama Scarano all’intervento d’istinto su corner di Cittadino. Al 23° Campagna perde la testa e rifila un cazzotto ad un avversario sulla linea del fallo laterale. Espulsione diretta e sacrosanta. Due minuti dopo i foggiani protestano ancora per un fallo di mani in area che l’arbitro non vede. Al 35° occasionissima per il Sorrento con la difesa foggiana che si salva affannosamente. Al 36° ci prova Tortori con un tiro a giro da sinistra, palla di poco fuori. Nei minuti di recupero ci riprova Russo su punizione, Scarano devia.

Nella ripresa subito tre cambi per il Foggia: fuori Sadek, Staiano e Delli Carri, dentro Kourfalidis, Iadaresta e Cadili. E i rossoneri, che pure nella prima frazione avevano abbozzato un po’ di gioco palla a terra, tornano allo schema “palla lunga a Iadaresta”. Il quale, però, non ne riceve uno decente per tutto il tempo. Al terzo è il solito Herrera, in contropiede, a presentarsi da solo davanti a Fumagalli che sventa il possibile 0-3. Al sesto “telefonata ravvicinata” di Russo che Scarano blocca senza problemi. Poi più nulla fino al 40° quando Ubaldi, finalmente, si accorge dell’ennesimo fallo di mano in area sorrentina e concede il penalty che capitan Gentile fallisce spedendo a lato.

Domenica prossima derby ad Andria contro la Fidelis. Prima, però, impegno in notturna contro l’Acireale mercoledì in Coppa Italia di Serie D. Ninni Corda, Roberto Felleca e i calciatori sono stati finora encomiabili, considerato come il Foggia ci è arrivato ai nastri di partenza di Serie D. Per arrivare primi, però, serve correggere. Soprattutto perché la base è buona e solida e sarebbe un peccato non liberarsi da questa categoria a fine stagione. Dicembre servirà a correggere gli errori commessi in fase di scelta degli uomini che compongono la rosa e a colmare lacune evidenti, specialmente in difesa e in attacco.

FOGGIA (3-5-2) – Fumagalli, Delli Carri (46° Cadili), Gentile, Di Jenno; Sadek (46° Kourfalidis), Staiano (46° Iadaresta), Cittadino (66° Gerbaudo), Gibilterra (57° Di Masi), Campagna; Russo, Tortori. In panchina: Di Stasio, Pertosa, Salines, Buono. Allenatore: Ninni Corda

SORRENTO (4-3-3) – Scarano, Cesarano, Cacace, Fusco, Masullo (94° Esposito); Costantino (80° Vodopivec), La Monica, De Rosa; Herrera (88° Pedrabissi), Vitale (66° Bozzaotre), Gargiulo (72° Figliolia). In panchina: Semertzidis, D’Alterio, Peluzzi, Cassata. Allnatore: Vincenzo Maiuri

RETI – 9° rig.Herrera, 13° Gargiulo (So)

NOTE – Arbitro: Mattia Ubaldi di Roma. Angoli 8-1 per il Foggia. Ammoniti: Tortori, Di Jenno e Delli Carri (Fg); Masullo e Vitale (So). Espulso Campagna (Fg). All’85° Gentile fallisce un calcio di rigore (Fg). Recupero 2 minuti nel primo tempo, 5 minuti nel secondo tempo.