UFFICIALE - Cerignola: "salta" Potenza. Di Toro si dimette

Dino Bitetto e Vincenzo Feola in pole position per sostituire il tecnico foggiano sulla panchina dell'Audace di patron Grieco
04.11.2019 14:40 di Antonello Abbattista   Vedi letture
Alessandro Potenza
© foto di Giuseppe Scialla
Alessandro Potenza

Tanto tuonò che piovve. Esonerato Alessandro Potenza, ormai sulla graticola già dopo la sconfitta contro il Foggia a fine settembre. A lui fatale il ruolino pressoché disastroso del Cerignola nelle ultime sette gare: una vittoria, un pareggio e cinque sconfitte. Si dimette anche il direttore sportivo, Elio Di Toro. Ora è corsa a due per la successione: Vincenzo Feola o Dino Bitetto, entrambi già allenatori dei gialloblu, si contendono la panchina cerignolana. Patron Grieco, tuttavia, dovrà ancora intervenire sul mercato: la politica dei "nomi", troppi attaccanti e pochissimi centrocampisti a disposizione sono alcuni degli errori commessi in fase di costruzione della squadra. Un mercato fatto in apnea, purtroppo, per recuperare il tempo perduto in estate per via della vicenda legata al ripescaggio, non ottenuto, del Cerignola in Serie C.

Tutto tranquillo, invece, in casa Foggia. Salutati gli under Giuseppe Di Salvo a centrocampo (alcune panchine all'attivo, ndr) e Cosimo Salatino in attacco (tre presenze in Coppa e una in campionato, ndr), non si registrano operazioni in entrata se non l'arrivo, alla spicciolata, di calciatori in prova. Per dicembre saranno ritoccati difesa e attacco (Santoro del Gravina e Corvino del Fasano in pole position, ndr). L'ultimo arrivo in entrata, in ordine cronologico, è stato quello dell'attaccante Gabriele Gibilterra, classe 2000, scuola Genoa nella passata stagione all'Albissola prima in Serie C (5 presenze, ndr) e nella Primavera della Spal poi (10 presenze e 4 gol, ndr).