Esordio casalingo col botto per l’Atletico Torremaggiore che batte 3-0 il Sant’Agata

Primi tre punti stagionali per la squadra di mister Soldano. In tribuna il Sindaco Monteleone con l'intera Giunta
06.11.2017 09:10 di Antonello Abbattista  articolo letto 322 volte
Il primo gol del Torremaggiore
Il primo gol del Torremaggiore

Esordio col botto al “San Sabino” per l’Atletico Torremaggiore che liquida con un perentorio 3-0 il Sant’Agata. La squadra di mister Soldano, davanti ai propri tifosi e a tutta l’Amministrazione comunale accorsa per l’esordio casalingo dei rossoblu, non delude e mette i primi tre punti stagionali in cassaforte.  Si parte con Rubino tra i pali, difesa con Carchia, Ferrara, Gemma e Matarese; centrocampo con Acqufresca, Cordone, Angeloro e Di Domenico; in attacco capitan Soldano e Messinese. In panchina, Sacco, Buoncristiano, Le Donne, Mininno, Fulgaro, Testa e Lamedica.

Squadra concentrata, compatta e con una  gran voglia di vincere dopo il rocambolesco tre pari alla “prima” ad Ischitella. Prestazione di gran livello che ha impressionato la tifoseria, disciplina tattica e grinta che fanno sorridere la dirigenza. Al 5° Angeloro mette un pallone al centro che Messinese sfiora ma non riesce a deviare in rete. Al 15° Acquafresca con un tiro dalla distanza sfiora l’incrocio dei pali. Al 20° Angeloro si guadagna un calcio di punizione dalla trequarti, Soldano mette al centro la palla dell’1 a 0 che Gemma realizza con un gran colpo di testa. Alla 30° Rubino salva la propria porta volando all’incrocio. Il Torremaggiore sfiora il raddoppio dapprima con Messinese e poi con Di Domenico e Angeloro. Nella ripresa ancora monologo torremaggiorese anche se è Rubino a negare il pareggio al Sant’Agata facendosi trovare pronto su un tiro dell’attaccante avversario. Al 70° Angeloro, su calcio d’angolo, per Messinese che spizza per capitan Soldano che sigla il 2 a 0. Girandola di cambi, Buoncristiano per Soldano, Mininno per Angeloro e Le Donne per Di Domenico. Proprio Mininno si vede annullare il gol del 3 a 0 dal direttore di gara. Gol che però non tarda ad arrivare. Acquafresca viene atterrato in area di rigore e Messinese realizza il penalty che chiude l’incontro sul 3 a 0.